€ 0,00 0

BollaCiao

Non è un imprevisto a portarci al Disguido, l’Osteria del Vino Libero nella tenuta di Fontanafredda, bensì un appuntamento con Andrea Farinetti per parlare di BollaCiao. 
Tra un plin col sugo di arrosto e un vitello tonnato, il più giovane dei fratelli Farinetti ci racconta come vuole “conquistare il mondo” con l’Alta Langa.

Partiamo dalle basi, cos’è BollaCiao?
BollaCiao è un Alta Langa, uno spumante metodo classico che nasce nel nostro territorio da uve pinot nero e chardonnay che riposano sui lieviti per 30 mesi. L’Alta Langa è un prodotto eccellente ma ancora poco conosciuto rispetto ad altri spumanti italiani, perché è un piccolo consorzio di appena 13 produttori che non ha mai raggiunto una massa critica di distribuzione. Con Bolla Ciao vogliamo contribuire a lanciare in Italia e nel mondo questa denominazione.

BollaCiao è un nome curioso per uno spumante, come nasce?
L’Alta Langa è italiano. Nel mondo tutti vogliono essere un po’ italiani, mangiare come noi, bere come noi, vestire come noi. Tutti vogliono imitare il nostro stile di vita. Pensate al mito del latin lover, che poi non è nemmeno così vero, ma comunque funziona e fa parte dell’immaginario comune.
Qual è la parola che ci identifica meglio come italiani? Ciao. La conoscono tutti, la utilizzano tutti. Quando vado nel mondo e saluto le persone con un "ciao" si emozionano, perché questa semplice parola rappresenta in pieno lo stile italiano.
Uno stile informale e amichevole, che mette tutti a proprio agio, esattamente come BollaCiao che è un vino elegante, morbido e piacevole.

Dal nome al claim: “Salute, dillo con un ciao!”
Una volta trovato il nome è partito un secondo ragionamento. Perché durante il brindisi diciamo cin cin, che è una parola che non ci appartiene, un termine che arriva dalla Cina attraverso i mercanti inglesi? 
Siamo andati all’origine del brindisi, che etimologicamente nasce come saluto. Qual è il saluto italiano per eccellenza? Ciao. Perciò “Salute, dillo con un ciao!”, un nuovo modo di brindare che rappresenta il nostro essere italiani.

Da dove siete partiti e dove vorreste arrivare
BollaCiao è stato presentato il 13 settembre 2014 in occasione della Festa della Vendemmia di Fontanafredda, quando 5.500 persone sono venute a trovarci in questa tenuta.
Abbiamo venduto 15.000 bottiglie nella prima settimana, un risultato inatteso che ci fa stimare per il 2015 una produzione di ben 100.000 bottiglie.
Volevamo partire solo con il mercato italiano ma il successo ci ha spinto a presentare dopo due settimane il prodotto ai nostri importatori, che l’hanno accolto con grande entusiasmo. La distribuzione internazionale ha tempi più lunghi ma siamo convinti di poter fare bene.

Lo spumante metodo classico italiano non ha mai avuto grande fortuna all’estero…
Vero. Nel mondo esistono lo Champagne e il Prosecco, che è prodotto con metodo Charmat e in buona parte si posiziona nella fascia bassa del mercato. 
Il metodo classico italiano non ha mai sfondato, ma noi speriamo che l’Alta Langa possa colmare questa mancanza, specialmente attraverso un prodotto semplice, immediato e con un prezzo aggressivo come BollaCiao. La comunicazione può aiutarci molto, proprio perché come dicevamo prima “ciao” racchiude in una sola parola un mondo di significati.
Non vogliamo fare concorrenza al Franciacorta o al Trento, pensiamo che ci sia spazio per tutti e che farsi la guerra in casa non abbia senso. Piuttosto rubiamo un po’ di quote di mercato ai francesi, che tra cugini qualche piccolo screzio ci sta…

Inizio pagina

AVVISO:

Spiacenti: non è possibile acquistare eventi, prodotti e/o Eataly Card all'interno dello stesso ordine.

Puoi comunque effettuare 2 ordini separati.

Grazie!