€ 0,00 0

Come riconoscere il pesce fresco: il decalogo di Nando Fiorentini

Per essere certi di acquistare sempre il pesce fresco ci vogliono anni di esperienza. Per cominciare, però, esistono alcune semplici indicazioni che chiunque può seguire per non prendere fregature. Le abbiamo chieste a Nando Fiorentini, ex pescatore e Responsabile delle Pescherie di Eataly, che ci ha spiegato come riconoscere il pesce fresco.

Nando Fiorentini

Come riconoscere il pesce fresco: il decalogo di Nando Fiorentini

1 - La pelle del pesce dev'essere tesa, umida, elastica e brillante.

2 - Le squame devono essere compatte e difficili da asportare.

3 - L'occhio deve essere vivo, sporgente, lucido e umido.

4 - Il profumo di mare deve essere gradevole, mai acre o di ammoniaca.

5 - Le branchie devono essere rosso acceso e umide.

Pesce

6 - L'addome dev'essere turgido e integro.

7 - Al tatto, il pesce dev'essere sodo e rigido. Un elemento di freschezza è dato dal rigor mortis: preso dalla testa, il pesce deve rimanere rigido in orizzontale fino alla coda.

8 - I frutti di mare devono essere sempre vivi al momento dell'acquisto.

9 - In seppie, calamari e polpi, il colore della pelle grigio rossastro è un segno di perdita di freschezza.

10 - I crostacei devono avere il carapace lucido: se testa e appendici tendono al nero, è già cominciato il processo di decomposizione.

Dopo aver scoperto come riconoscere il pesce fresco e averlo acquistato, è ora di scoprire come cucinarlo: ecco 10 ricette facili di pesce!

I PRODOTTI CONSIGLIATI

Inizio pagina

AVVISO:

Spiacenti: non è possibile acquistare eventi, prodotti e/o Eataly Card all'interno dello stesso ordine.

Puoi comunque effettuare 2 ordini separati.

Grazie!