€ 0,00 0

I prodotti tipici calabresi e lucani

In Giro per l’Italia con Eataly è un tour attraverso le regione italiane che vi condurrà alla scoperta delle tradizioni enogastronomiche del nostro paese. Un complemento del racconto sulla biodiversità italiana del gusto che troverete nel padiglione Eataly a Expo 2015 con i suoi 20 ristoranti regionali.

I prodotti tipici calabresi

La Calabria ha un territorio molto vario, 800 Km di coste che racchiudono montagne e altipiani, e una lunga storia di dominazioni che hanno lasciato una impronta indelebile nella cultura enogastronomica della regione.

La nduja è il salume più rappresentativo della Calabria, un salame morbido e piccante che tradizionalmente aveva un gusto molto forte perché era preparato con gli scarti poveri del maiale, oggi è preparato con carni più delicate per ottenere un sapore più morbido.
La soppressata di Calabria DOP è invece un salame più nobile, preparato con tagli di prosciutto e lardo selezionato, aromatizzata solitamente con peperoncino e finocchietto.

Il Caciocavallo Silano DOP è un formaggio a pasta filata dalle origini molto antiche, ne parlava già Ippocrate nel 500 a.C., prodotto con latte bovino intero; ha un gusto dolce che tende al piccante con l’aumentare della stagionatura.

Il prodotto agricolo più rappresentativo è indubbiamente la cipolla di Tropea IGP che, grazie al clima mite e all’influenza del mare, ha un sapore dolce e delicato. Le particolari condizioni di coltivazioni, un altipiano sopra i 1000 metri, rendono unica anche la patata della Sila, molto più nutriente e ricca di amido rispetto ad altre varietà.
Gli agrumi tipici di questa terra sono i cedri, specialmente la varietà liscio diamante, e il bergamotto di Reggio Calabria DOP, un vero e proprio concentrato di freschi profumi, dalla cui buccia viene estratto un olio molto ricercato in cosmesi e farmacia.

La produzione vinicola della regione si focalizza sulle uve a bacca rossa, come il gaglioppo e il nerello, con una limitata produzione di uve bianche, tra cui greco e trebbiano. Il Cirò è la denominazione più conosciuta, coltivato ai piedi della Sila a nord di Cosenza.

Matera in Basilicata

I prodotti tipici lucani

La Basilicata è una regione prevalentemente montuosa, l’allevamento e l’agricoltura sono le principali attività di produzione mentre la pesca, nonostante gli affacci sul mare, è poco praticata.

Gli allevatori producono salumi come la salsiccia lucanica, preparata con carni magre di suino, la soppressata, conservata fino a due anni sottolio, il capocollo e la pancetta stesa. Tra i formaggi vanno ricordati il pecorino di Filiano DOP, prodotto con latte ovino e caprino di animali allevati al pascolo e stagionato in grotta, e il pecorino canestrato di Moliterno IGP, il cui nome deriva dal processo di produzione che prevede la pressatura a mano della cagliata in canestri di giunco.

La città di Matera oltre che per i Sassi, il centro urbanistico della città scavato nella pietra, è famosa per il pane di Matera, prodotto con lievito madre e semola di grano duro di varietà coltivate nella regione. Questo pane è caratterizzato da un colore giallo intenso, una grande porosità e dal fatto di essere conservabile per una settimana e oltre, a seconda della pezzatura.

Ami i sapori del sud? Dopo i prodotti tipici calabresi e lucani, ti aspettano i sapori delle grandi isole italiane: scopri i prodotti tipici siciliani e sardi!

Inizio pagina

AVVISO:

Spiacenti: non è possibile acquistare eventi, prodotti e/o Eataly Card all'interno dello stesso ordine.

Puoi comunque effettuare 2 ordini separati.

Grazie!