€ 0,00 0

Il pane quotidiano secondo Eataly

Fondata da Slow Food nel cuore delle Langhe, l'Università di scienze gastronomiche di Pollenzo attrae studenti da decine di Paesi del mondo, interessati a un modello educativo unico. Alcuni di questi ragazzi hanno deciso di offrire a Eataly il loro punto di vista sul cibo e sulle tradizioni italiane, scrivendo alcuni articoli originali per Eataly Magazine. Questo contributo arriva da Paolo Rossino.

Il pane è un alimento quotidiano e semplice, tuttavia la preparazione non è così banale. Dietro a una forma di pane ben riuscita ci sono vari passaggi: la scelta delle farine, il lievito, la lavorazione dell’impasto, la formatura e la cottura e ciascuna di queste mosse va sperimentata accuratamente prima di
ottenere un eccellente risultato. La panetteria di Eataly ha adottato una visione chiara che si fonda su alcuni punti imprescindibili:

• le farine artigianali provengono dal Mulino Marino, che seleziona materie prime coltivate secondo l’agricoltura biologica, la quale non fa uso di prodotti chimici di sintesi avendo a cuore la nostra salute, l'ambiente e le risorse naturali. La lenta molitura a pietra dei cereali preserva in seguito le qualità organolettiche e soprattutto quelle nutrizionali;
• la fermentazione del pane è affidata al lievito madre capace di dare al pane un bouquet di aromi unico, garantendo una digeribilità e una conservazione migliore. Il tempo è l’unico ostacolo, ma i panettieri di Eataly sanno pazientemente attendere anche fino a 12 ore;
• la preparazione è affidata agli abili panettieri che ogni giorno lavorano a mano gli impasti restituendo forme uniche;
• la cottura, come ultimo processo, avviene all'interno del forno a legna, garanzia di una doratura ottimale e omogenea.

Per chi si trova davanti alla panetteria di Eataly è difficile non cadere in tentazione, tant’è l’offerta di pani che si presentano davanti agli occhi, per non parlare dei profumi che si diffondono tra i vicini scaffali. Ecco alcune delle specialità che vengono sfornate ogni giorno e alcuni abbinamenti per esaltarle al massimo!

Pane Mediterraneo

È un pane in cui si combinano due farine integrali di grano tenero e segale con ben 7 semi originari dell'area mediterranea: farro, sesamo, zucca, papavero, girasole, lino e miglio ricchi in vitamine, omega-3, sostanze antistress e molto altro. Insomma un mix che si presenta come un toccasana per la nostra salute. Quale pane potrebbe sostituirlo per la prima colazione? Il pane Mediterraneo ti farà iniziare subito la giornata con una marcia in più. Se poi lo abbini al burro De Paoli Biobontà e la confettura di fragolina Sciacca e Ribera di Scyavuru Presidio Slow Food, allora proprio non ce ne sarà per nessuno!

Il pane secondo Eataly

Pane di Enkir

Nasce dalla farina di più varietà di Triticum monococcum, il cereale più antico domesticato dall'uomo. Queste varietà si sono adattate gli ambienti dell’Alta Langa dove vengono coltivate sopra i 500 metri da agricoltori che si impegnano nel mantenimento di una biodiversità che altrimenti andrebbe persa. Questo pane ci racconta una storia incredibile che deve essere conosciuta per poterlo apprezzare fino all’ultima briciola. Con il pane di enkir puoi trascorrere un aperitivo con i fiocchi, semplicemente aggiungendovi un po’ di squacquerone DOP, un tocco di delicata pasta di carciofi Roi e due gocce d’olio Evo monocultivar Nocellara di Bellice Centonze che conferisce il giusto tono piccante e amaro.

Il pane secondo Eataly

Pane fichi e uvetta

È una variante dell’impasto del pane Rustic, uno dei più apprezzati di Eataly, composto da farine 0 e semi-integrale, impreziosito da fichi secchi e uvetta che gli attribuiscono un tocco di dolcezza. Questo pane risulta ideale in una pausa, da accompagnare magari con una fetta di mortadella classica Bonfatti. Insieme saranno in grado di riconfortarti dai molti affanni della giornata.

Il pane secondo Eataly

Pane di grano duro

Il frutto del grano duro Senatore Cappelli ha un'ineffabile morbidezza dentro e un'eccellente croccantezza fuori. Questo pane è sinonimo del Mezzogiorno, dove c’è una forte tradizione per la panificazione del grano duro che spesso è circoscritto alla produzione di pasta. Un ottimo pane che si presta a diventare un delizioso panino per la pausa pranzo, da provare con lo squacquerone DOP, la pancetta piccante di Calabria F.lli Pugliese e la dolcezza dei pomodori secchi Masseria Mirogallo.

Il pane secondo Eataly

Ami il pane? Scopri come farlo in casa come una volta o come si fa il lievito madre!

Paolo Rossino UNISGPaolo Rossino
Studente del corso di laurea triennale in Scienze Gastronomiche dell'UNISG

Ragazzo torinese DOC, precisino dicono, e amante della cucina rustica. Sempre disponibile a dare una mano, se ai fornelli ancora meglio!
Inizio pagina

AVVISO:

Spiacenti: non è possibile acquistare eventi, prodotti e/o Eataly Card all'interno dello stesso ordine.

Puoi comunque effettuare 2 ordini separati.

Grazie!