€ 0,00 0

Le verdure colorate insolite sono meglio di quelle tradizionali?

Negli ultimi anni i banchi della verdura dei supermercati e dei fruttivendoli si sono arricchiti di tante nuove coloratissime varietà. Varietà in molti casi secolari, che rischiavano di scomparire e che sono tornate protagoniste un po' per moda, un po' grazie alle loro proprietà nutritive. Nella grande maggioranza dei casi, infatti, un colore acceso è sinonimo di nutrienti e sostanze benefiche, e tra un ortaggio tradizionale e la sua versione colorata quest’ultima ha valori nutrizionali migliori. Gli esempi che confermano questa tesi sono molti: vediamone alcune varietà di verdure colorate insolite.

Le verdure colorate insolite: i pomodori gialli

Pomodori
Il pomodoro zebrato, oltre a essere bello da vedere, rispetto a quello rosso contiene più licopene, sostanza fortemente antiossidante, più vitamine idrosolubili, e minerali. Il pomodoro giallo, invece, originario delle Americhe e presente in Europa dal 1500, ha un alto contenuto di beta-carotene che contrasta i problemi alla vista e alla pelle e protegge le cellule dai processi di invecchiamento. Inoltre, rispetto al pomodoro rosso, contiene la vitamina B2, che accelera il metabolismo e influisce sui livelli di energia.

Biete a coste colorate
Le biete con coste colorate sono particolarmente belle da vedere: ancora poco diffuse, esistono nelle sfumature del giallo, del rosso, dell’arancione e del fucsia. Contengono molti fitonutrienti, dalle proprietà antiossidanti e protettive, e ci aiutano a rafforzare il sistema immunitario.

Cavolfiori, broccoli e cavoli
Il cavolfiore, i broccoli e il cavolo romano viola, coltivati soprattutto in Sicilia, sono ricchi di sali minerali e antociani: per questo hanno un potere antiossidante e aiutano a prevenire le malattie degenerative come il cancro. Esiste anche la variante arancione, di origine canadese, ricca di beta-carotene.

Le verdure colorate insolite: i cavolfiori viola

Patate
Le patate blu, caratterizzate in realtà da un colore tendente al viola, hanno origine nelle Ande peruviane e in Italia sono coltivate soprattutto in Trentino. Sono ricche di antociani antiossidanti e potassio: limitano la perdita di memoria e contrastano l’accumulo del colesterolo nel sangue. Le patate rosse umbre hanno in più un alto contenuto di acidi fenolici, sostanze antitumorali, mentre quelle viola appartenenti alla varietà Turchesa, hanno un elevato contenuto di sostanza secca.

Zucchina gialle
Tra le varietà di verdure colorate insolite c'è anche la zucchina gialla, che ha un alto quantitativo di potassio, abbassa la pressione sanguigna e ha proprietà diuretiche, antinfiammatorie e anti-colesterolo.

Mais multicolore
In Sud America e in Asia da secoli nasce il mais in colorazioni differenti rispetto al classico giallo: sia nella variante multicolore, sia in quelle monocromatiche. Bianco, coltivato in Italia in particolare in Veneto, e ottimo per ottenere la farina bianca da polenta; rosso, coltivato in Trentino e ricco di acido folico, vitamina B1, ferro e altri minerali utili in caso di anemia, particolarmente digeribile e ricco di fibra, che rallenta l'assorbimento degli zuccheri; e rosa per via della tiamina, una sostanza utile alla memoria e al livello di energia.

Le verdure colorate insolite: il mais

Basilico rosso
Originario dell’India, il basilico rosso è un antistress naturale e ha proprietà stimolanti che favoriscono una maggiore attività dell’organismo.

Melanzana bianca
In questo caso, le differenze rispetto alla melanzana viola tradizionale sono minime: anche quella bianca contiene calcio, fosforo, vitamine A e C e potassio.

Peperone nero
Il peperone nero, rispetto alle colorazioni tradizionali, ha ancora più vitamine e antiossidanti e contiene capsicina, la stessa sostanza che dona il sapore piccante al peperoncino.

Carote
In origine le carote erano viola. Sono stati poi gli olandesi a trasformarle in arancione rendere omaggio alla casata degli Orange. La variante originale, tuttavia, è ancora oggi una delle varietà di verdure colorate insolite più apprezzate. E ha un contenuto di antociani 28 volte superiore rispetto a quelle arancioni. Ricche di antociani sono anche le carote nere, mentre quelle gialle contengono luteina, sostanza anch’essa antiossidante.

Le verdure colorate insolite: le carote viola

Asparago bianco
L’asparago bianco è un rimedio depurativo per il corpo in casi di gonfiore addominale e favorisce la diuresi.

I cetrioli-limone
Il cosiddetto “cetriolo-limone”, conosciuto anche con il nome di dosaki, conserva i benefici di entrambi gli ortaggi da cui derivano, cioè in particolare le proprietà depurative e diuretiche.

Kiwi giallo
Il kiwi a polpa gialla è più ricco di Vitamina C e meno deperibile.

Hai apprezzato questo articolo? Se sei interessato alla verdura, puoi leggere l'articolo sugli usi della zucca in cucina o le ricette di Eataly a base di verdure, come:

- l'insalata di funghi e verdurine
- i fusilli con verdure estive, 'nduja e ricotta salata
- l'insalata russa
- la torta salata di pasta brisé con girandola di verdure

I PRODOTTI CONSIGLIATI

Inizio pagina