€ 0,00 0
08/11/2018

La via giapponese all'armonia

La Pina incontra Laura Imai Messina, autrice di WA (Vallardi)

Giovedì 8 novembre, alle ore 19.30, La Pina e Laura Imai Messina ti aspettano sul palco per la presentazione del libro "WA, La via giapponese dell'armonia" (Vallardi), un viaggio nel cuore dello spirito giapponese e di un popolo a volte apparentemente indecifrabile.

Gli insegnamenti che arrivano dal Giappone sono più attuali  che mai, anche in Occidente. Ma in cosa consiste esattamente lo spirito giapponese? Ce lo svela Laura Imai Messina nel suo nuovo libro, in cui ci racconta la vera anima del Sol Levante in 72 parole-simbolo.

"WA, La via giapponese dell'armonia - 72 parole per capire che la felicità più vera è quella condivisa" (Vallardi) rappresenta una guida, una sorta di bibbia, da studiare e portarsi in Giappone per decifrare il suo popolo e per comprendere appieno la loro armonia, i loro atteggiamenti che molto spesso possono sembrare "strambi". Laura Imai Messina ci racconta le esperienze, vissute sulla sua pelle durante i 15 anni trascorsi in Giappone. Ad accompagnarla non poteva che essere la conduttrice radiofonica La Pina, profonda conoscitrice e amante del Sol Levante e del suo popolo.

libro-wa-700X300
IL LIBRO

L'antico nome del Giappone era Yamato che, scomposto nei suoi ideogrammi, significa oggi "grande Wa", cioè "Grande Armonia". Wa significa dunque armonia, ma come tutte le parole giapponesi evoca molto di più: wa è tutto ciò che è mite, sereno e moderato, e rappresenta il raccordo, l'unione pacifica degli elementi, nonchè la calma e il garbo delle persone e delle cose; ma è anche un prefisso che come un sigillo si appone su parole e concetti, per indicare tutto ciò che è giapponese: come vediamo in washi, la carta giapponese, o in washoku, la cucina tradizionale giapponese, o ancora in wafuku, che sono gli abiti giapponesi. Con wa si intende innanzitutto la "mescolanza", che non equivale allo sciogliersi di un elemento in uno o in molti altri, ma ricorda più la convivenza pacifica e rispettosa delle parti, la condivisione eufonica ed equilibrata di un medesimo spazio, come suggerisce per esempio il sincretismo religioso che vede shintoismo e buddhismo convivere e persino collaborare sul medesimo territorio. E quest'armonia racchiusa nel ventaglio di significati di wa, che è priorità della cultura nipponica e domina parole e atteggiamenti del suo popolo, è anche un concetto in cammino, un sistema di accoglienza, scelta e adattamento, che fa del Giappone il magico mistero che affascina il mondo. 

Con questo libro Laura Imai Messina, autrice italiana trapiantata a Tokyo, ci aiuta a svelare questo mistero, accompagnandoci in un viaggio attraverso 72 parole che simboleggiano e rappresentano il fascino e l'essenza del Giappone. 72 sono infatti le "stagioni" che compongono l'antico calendario giapponese: è vero che la primavera si inaugura il 4 febbraio, l'estate nasce il 5 maggio, l'autunno il 7 agosto e l'inverno il 7 novembre. L'antico calendario dice però un'altra cosa, ovvero che le quattro stagioni si compongono in realtà di 72 tempi diversi. Afferma, in sostanza, che ogni cinque giorni subentra una nuova "stagione". Queste stagioni hanno nomi pieni di poesia: dentro vi si trovano lucciole - come nella stagione che va dal 10 al 15 di giugno -, il calore del vento (dal 7 all'11 luglio), il cinguettio della cutrettola ballerina (12-16 settembre) o il verso della cicala crepuscolare (12-16 agosto). L'idea di stagioni che mutano ogni cinque giorni è una produzione capitale di inizi. Oltre a Primavera, Estate, Autunno e Inverno, ogni cinque giorni il calendario offre una nuova possibilità di rinnovarsi. Ognuna delle 72 unità racchiude in sè un invito a valorizzare il tempo e a esplorare la natura, ma svela anche un richiamo verso atteggiamenti, forme di pensiero e del carattere su cui nei secoli si sono modellati e tutt'ora si plasmano mentalità e cultura del popolo giapponese. 

Leggendo questo libro si "assaggia" il Vero Giappone, si comprende cosa è realmente giapponese. Scoprendo cosa si nasconde dietro all'ideogramma wa, possiamo forse intravedere come raggiungere l'armonia che anima la bellezza e il mistero del Sol Levante, e della sua società così pacifica e ordinata. Tramite wa, il Giappone ci insegna la sua più grande lezione: che la bellezza, la gioia e il senso civile si costruiscono con grande impegno, attraverso un lavoro continuo su se stessi, imparando la pazienza, facendo le cose con cura e mai a discapito degli altri, perchè una felicità davvero sostenibile è un progetto di tutto e mai di uno soltanto. 

Laura Imai Messina è una scrittrice, docente universitaria e ricercatrice residente a Tokyo. Il suo blog Giappone Mon Amour è da anni punto di riferimento per gli appassionati del Sol Levante e finestra sulla vita quotidiana nella capitale giapponese. 

La Pina è una conduttrice radiofonica. Nella vita precedente ha fatto anche la rapper e la televisione, ma è nella radio che ha trovato la sua vera passione. Nel suo fortunatissimo programma Pinocchio, in onda tutti i gironi su Radio Deejay con Diego e Vale.

Inizio pagina

AVVISO:


Spiacenti, non è possibile acquistare le confezioni natalizie in prevendita insieme ad altri prodotti dello Store Online.

Puoi comunque effettuare 2 ordini separati.

Grazie!