CONSEGNA GRATUITA IN TUTTA ITALIA PER ORDINI A PARTIRE DA 99 €!

Inserisci il CAP

Olio extravergine d’oliva: origini e caratteristiche

Non c’è ricetta che si rispetti che non lo annoveri tra i suoi principali ingredienti e ciascuno di noi conosce almeno una persona che non si siede a mangiare se non lo vede, troneggiante e protagonista indiscusso, sulla tavola. Fonte di costante discussione fra chi ne abusa e chi invece vuole provare ad eliminarlo o a diminuirne l’uso. E ancora, compagno insostituibile di chiunque si approcci al mondo della cucina e il classico ingrediente che se non hai sempre a portata di dispensa puoi tranquillamente riporre pentole, padelle o cucchiai e dichiarare conclusa la tua esperienza tra i fornelli.

Insomma, le situazioni in cui risulta protagonista della nostra quotidianità sono davvero infinite. E allora non ci stupisce affatto che fin dall’antichità fosse conosciuto come “oro verde”, perché tutti noi – specie noi italiani – ne conosciamo e apprezziamo l’importanza e il valore all’interno di ogni nostra ricetta: l’olio è in grado di dare il classico “tocco in più ad ogni piatto”.
Ma al di là del suo ruolo cruciale all’interno del menage familiare di ciascuno di noi e le diverse crisi che tutti abbiamo vissuto almeno una volta nella vita quando non lo abbiamo trovato nella nostra dispensa, sappiamo davvero tutto su questo straordinario ingrediente?
Se la riposta è no, questo è l’articolo che fa per te.

olio d’oliva

Le origini dell’olio d’oliva

Per chi non lo sapesse – o per chi semplicemente non se lo era mai chiesto -, lo chiariamo subito: l’olio d’oliva non è di certo un’invenzione dei giorni nostri. Anzi.
La sua storia si perde nella notte dei tempi, tanto che è davvero difficile risalire alla sua reale origine con assoluta certezza: ciò che sappiamo e da cui possiamo partire è che le primissime testimonianze della sua esistenza e dei suoi molteplici utilizzi risalgono circa al 4000 a.C. in Palestina, Armenia e India. In tutte e tre queste aree veniva allora utilizzato semplicemente come unguento per la pelle o come medicinale: insomma, non avevano ancora scoperto il ricchissimo potenziale di questo ingrediente in cucina ma già ne facevano un grande utilizzo.

A partire dall’epoca di quelle primissime testimonianze l’olio d’oliva è diventato man mano parte sempre più integrante della vita di tutte le civiltà che si sono susseguite nel corso dei secoli fino ad oggi: del suo utilizzo e della regolamentazione della coltivazione delle sue olive se ne parla addirittura nel codice di Hammurabi e sia gli antichi Greci che gli antichi Romani lo utilizzavano assiduamente ed era una merce particolarmente diffusa e apprezzata. Addirittura, ai tempi dell’Impero Romano il pagamento dei tributi avveniva attraverso uno scambio di olio di oliva, a sottolineare quanto ormai fosse parte integrande del mondo dell’epoca.
La sua diffusione, però, non si è fermata di certo in quegli anni ma anzi, è proseguita senza sosta, e durante tutto il Medioevo l’olio extravergine di oliva è stato il protagonista di uno dei commerci più fiorenti e fruttuosi dell’epoca. Proprio in questo periodo, e più precisamente nel 1400, l’Italia è anche diventata il maggiore produttore di vino in tutto il mondo.

Nel corso dei secoli successivi il suo utilizzo, soprattutto in cucina, si è ancora più diffuso, grazie anche all’avvento e all’affermazione della dieta mediterranea come modello di alimentazione che ha come base della sua struttura piramidale proprio il nostro tanto amato olio extravergine di oliva. Ed eccoci quindi arrivati ai giorni nostri, dove questo ingrediente ricopre un ruolo a dir poco importante nella vita e, soprattutto, nell’alimentazione di tutti noi.

olio d’oliva

Caratteristiche di un buon olio extravergine di oliva

Ok, adesso che sappiamo quali sono le sue origini e come veniva utilizzato nell’antichità passiamo ad una domanda più pratica che, siamo sicuri, sarà in grado di svoltare completamente le tue ricette e tutti i tuoi pasti. Come scegliere un buon olio extravergine di oliva?

Ciascuno di noi ha le sue personalissime strategie per selezionare la bottiglia di olio che porterà sulla sua tavola: ci sono gli abitudinari, che tendono a privilegiare sempre la stessa tipologia e non amano cambiare, quelli che si lasciano guidare dal prezzo, e scelgono quindi in base a quanto hanno intenzione di spendere e infine quelli che si fanno conquistare dall’estetica e scelgono in base al packaging o all’etichetta che più incontra i loro gusti. Noi abbiamo già usato tutte queste strategie e, anche se in alcuni casi siamo riusciti a scovare delle vere chicche con questi metodi, abbiamo deciso che è finalmente arrivato il momento di utilizzare una tecnica semplice e alla portata di tutti, ma decisamente più precisa. Anzi, praticamente infallibile.

Ecco, quindi, come fare a riconoscere un olio extravergine di oliva di primissima scelta per portare sulla tua tavola un ingrediente davvero unico e straordinario.
Il primo elemento fondamentale per stabilire la qualità del tuo olio consiste nell’analizzare il suo bouquet olfattivo: è infatti fondamentale che l’olio conservi tutto l’aroma dell’oliva verde da cui viene tratto, e quindi dovrebbe stuzzicare le tue narici con sentori di erba appena tagliata e carciofo. Se potrai percepire chiaramente queste note aromatiche, potrai stare tranquillo: il tuo è un olio di qualità. In caso contrario, è molto probabile che il tuo olio non sia stato realizzato utilizzando materie prime accuratamente selezionate o che il procedimento lavorativo non sia stato attento come avrebbe dovuto.

Un altro elemento fondamentale per poter comprendere a pieno la qualità del tuo olio extravergine di oliva è, ovviamente, legato al suo gusto. Dovrai quindi assaggiarne un cucchiaino liscio, senza l’aggiunta di nessun altro ingrediente, e concentrarti sulla sensazione che regalerà alle tue papille gustative. Un olio di qualità dovrebbe lasciare al tuo palato un retrogusto piacevolmente amaro e con una punta di piccante, due caratteristiche che vengono regalate dai polifenoli, che proteggono l’olio dall’ossidazione. Se all’assaggio non riesci a percepire una delle due sensazioni – o addirittura nessuna delle due – significa che il tuo olio non è di alta qualità e non è stato lavorato correttamente.

In caso contrario, invece, congratulazioni! Il tuo olio extravergine di oliva è di ottima qualità e potrai quindi essere certo di regalare alle tue ricette un sapore davvero unico e di condire i tuoi piatti con un olio in grado di esaltarli al meglio senza sovrastarli.

Ecco alcuni dei nostri migliori oli: