€ 0,00 0

La differenza tra agricoltura biologica e biodinamica

Qual è la differenza tra biologico e biodinamico? In un periodo storico nel quale l'attenzione alla qualità e alla sostenibilità è molto alta, c'è anche tanta confusione attorno alle varie forme di agricoltura genuina. Proviamo quindi a fare un po' di chiarezza su questi due approcci, così uguali e così diversi. Così uguali perché entrambi condividono i medesimi valori fondativi, cioè il rifiuto di utilizzare sostanze chimiche, l'attenzione all'ambiente, la rotazione delle colture; e così diverse perché regolamentate in modo differente.

Differenza tra biologico e biodinamico

Che cos'è l'agricoltura biodinamica

In Italia si è fatta strada solo negli ultimi decenni, ma non tutti sanno che l'agricoltura biodinamica è nata molto prima dell'agricoltura biologica. Esattamente negli anni '20 per opera del filosofo e scienziato tedesco Rudolf Steiner, che fondò una nuova disciplina basata sull'interconnessione tra terreno e cielo. Secondo Steiner, la fattoria è un organismo in cui le relazioni tra gli elementi che la compongono ne permettono la sopravvivenza reciproca: e quindi tutti - contadini, animali e piante - devono concorrere a fertilizzare, nutrire e mantenere in salute l’intero ecosistema.

I princìpi dell'agricoltura biodinamica

Tutto questo con l'obiettivo di accrescere la fertilità della terra e migliorare il suolo e produrre piante sane e alimenti che rafforzino il metabolismo umano. I princìpi dell'agricoltura biodinamica sono la biodiversità e la rotazione delle colture; l’osservazione delle fasi lunari e dei cicli planetari nella semina e nella coltivazione; l'utilizzo di "preparati", cioè compost biodinamici autoprodotti per la concimazione, e il divieto di utilizzare prodotti chimici.

Differenza tra biologico e biodinamico

La certificazione biodinamica

Boicottata dal regime nazista e tornata in voga alla fine degli anni '40, l'agricoltura biodinamica è regolata oggi dall'associazione Demeter, l'unica in grado di fornire una certificazione ai prodotti ottenuti seguendo le linee guida dell'agricoltura biodinamica (tutti questi prodotti devono anche essere certificati biologici).

La differenza tra biologico e biodinamico

Questo perché - ed ecco la principale differenza tra agricoltura biologica e biodinamica - il bio ha una valenza legale differente rispetto al biodinamico. La certificazione biologica, infatti, è regolamentata da leggi italiane ed europee. L'ultimo intervento dell’Unione Europea in materia è l'approvazione del Regolamento 834/07, che ha definito in modo più preciso in che cosa consistono i metodi di produzione biologici e reso obbligatoria la certificazione dei prodotti presso uno degli organismi di controllo privati.

Differenza tra biologico e biodinamico

Che cos'è l'agricoltura biologica

Un prodotto agricolo bio deve essere coltivato su terreni lontani da fonti di contaminazione, come autostrade e fabbriche, senza lutilizzo di prodotti chimici di sintesi come fertilizzanti, diserbanti e insetticidi; e, nel caso di prodotti di origine animale, deve provenire da bestiame nutrito con mangime non trattato chimicamente, senza l'uso di antibiotici, ormoni o altri stimolanti della crescita. Solo gli alimenti che rispettano questi paletti possono ottenere il bollino Bio ed essere venduti come tali: ad esempio nel caso del vino biologico.

Scopri la selezione di prodotti Bio dello Store Online di Eataly!

Inizio pagina

AVVISO:

Spiacenti: non è possibile acquistare eventi, prodotti e/o Eataly Card all'interno dello stesso ordine.

Puoi comunque effettuare 2 ordini separati.

Grazie!