€ 0,00 0

Con FICO l'Italia è al centro del mondo

"FICO nasce per parlare del cibo partendo dall'inizio, e non dalla fine. Cioè non dai piatti dei grandi chef, come accade oggi in molte trasmissioni televisive, ma mettendo in luce tutta la filiera del food: agricoltura, allevamento, vita contadina, trasformazione, per poi arrivare alla vendita e alla ristorazione". Queste parole pronunciate da Oscar Farinetti in occasione della conferenza stampa di presentazione ai media riassumono alla perfezione la filosofia del nuovo parco agroalimentare più grande del mondo, un enorme spazio di 100mila metri quadri a ingresso gratuito dedicato alla magia dell'enogastronomia italiana.

Fico Eataly World

La storia di FICO

Aperto dal 15 novembre 2017 a Bologna, "una città con una logistica ideale - ha affermato il sindaco della città Virginio Merola -, una grande cultura del cibo e un turismo in forte crescita", FICO Eataly World sorge negli ex spazi del Centro agroalimentare di Bologna ed è una prova concreta di collaborazione efficace tra pubblico e privato. Nato da un'idea di Andrea Segrè e Alessandro Bonfiglioli, Presidente e Direttore generale del CAAB, il progetto ha visto l'approvazione entusiastica del Comune di Bologna, che ha rapidamente coinvolto grandi e piccoli operatori del settore enogastronomico a cominciare da Eataly, in prima fila tra le aziende private che hanno messo insieme gli investimenti necessari per dare il via al progetto. Così in 5 anni, tra la fine del 2012 e il 2017, ha preso forma un luogo unico in Italia e nel mondo, al quale collaborano oggi più di 150 aziende.

FICO Eataly World

10 ettari dedicati al cibo italiano

Si può dire che FICO sia un mix tra EXPO, Eataly e Disneyworld. Di EXPO conserva l'attenzione ai temi dell'agricoltura, dell'allevamento e della sostenibilità, tradotta in 2 ettari di campi coltivati e stalle con più di 200 animali e 2mila cultivar, ma anche la forte componente educativa e didattica (30 eventi e 50 corsi al giorno per grandi e piccoli tra aule, teatro e spazi didattici); di Eataly propone la varietà enorme di prodotti in vendita e di punti ristoro (più di 40 tra chioschi e ristoranti) e le oltre 40 fabbriche contadine che mostrano la produzione di carni, pesce, formaggi, pasta, olio, dolci e birra; di Disneyworld l'aspetto ludico delle 6 giostre multimediali, spazi tematici interattivi dedicati al rapporto dell'uomo con il fuoco, gli animali, la terra, il mare, la bottiglia e il futuro, oltre ai campi sportivi e alle aree di intrattenimento per i bambini. Gli 8 ettari al coperto possono essere percorsi a piedi oppure con le biciclette, noleggiandole gratuitamente e utilizzando la pista ciclabile centrale.

Fico Eataly World

FICO, un "EXPO permanente"

Insomma, le cose da fare a FICO non mancano: per adulti e bambini, italiani e turisti, desiderosi di osservare, ascoltare, mangiare, acquistare, divertirsi. E di apprezzare una volta di più l'unica vera protagonista del parco: l'Italia. La sua biodiversità, i suoi territori, la sua cultura. "FICO è la sublimazione di EXPO - ha affermato Vincenzo De Luca, Direttore Generale per la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri -, con questo progetto mettiamo l'Italia al centro del mondo: qui il nostro Paese si racconta e rafforza il legame vincente tra qualità e territorio, che nella nostra enogastronomia vanno sempre di pari passo".

Fico Eataly World

Inizio pagina

AVVISO:


Il Natale si avvicina, e noi di Eataly ci teniamo ad offrirti sempre un servizio di alta qualità.

In questi giorni ti chiediamo di ordinare separatamente Confezioni Natalizie e prodotti di altro tipo.

Grazie per la comprensione!